Cari amici lettori oggi siamo qui a parlare di uno sei successi indiscussi dell’universo letterario distopico! Sto parlando della saga di Hunger Games.

Molti tra voi avranno visto sicuramente i film campioni di incassi al botteghino con protagonista Jennifer Lowrence. Ma quanti hanno letto i libri? Bene, se ancora non lo avete fatto vi consiglio vivamente di farlo perché scoprirete una marea di particolari in più che vi faranno adorare la saga maggiormente.

In questo articolo vi mostrerò alcune curiosità sui libri di Hunger Games e vi assicuro che una volta finito di leggere correrete in libreria ad acquistarli.

Se siete interessati vi lascio qui il link per acquistare l’intera saga su Amazon Kindle

Curiosità sui libri di Hunger Games

Il padre di Katniss:

Dai film, sappiamo che il padre della protagonista era un minatore che ha perso la vita a causa di un esplosione in miniera. Nei libri invece, il padre di Katniss è un fantasma che ricorre spessissimo nelle pagine durante la lettura; viene menzionato praticamente in ogni singolo libro della saga e ci fa scoprire particolari interessanti.

Prima cosa fondamentale; da lui la giovane protagonista impara a cacciare e a nuotare, attività che si riveleranno fondamentali negli Hunger Games, ma importanti anche per sopravvivere dopo la sua morte nel distretto 12.

Il primo arco che Katniss usa è stato proprio costruito dal padre. Era anche un esperto di piante medicamentali e teneva un libricino dove le catalogava e descriveva. I nomi di Katniss e Primrose sono stati scelti da lui e rimandano entrambi a delle erbe.

I genitori di Peeta:

I genitori di Peeta non compaiono mai nei film, ma nei libri scopriamo particolari interessanti. Durante la mietitura nel primo libro, il ragazzo viene estratto a sorte per partecipare ai giochi. Dal racconto di Katniss sappiamo che ha altri due fratelli più grandi che al contrario suo non si offriranno volontari al posto del fratello minore.

Il padre di Peeta era innamorato della madre di Katniss da giovane; sempre durante la lettura del primo volume si scopre che è il padre di Peeta ad indicare al giovane ragazzo una Katniss bambina che sta andando a scuola e a rivelargli l’amore che provava per la madre.

La madre di Peeta invece era una donna severa! questo lo sappiamo perché Katniss e Gale vanno spesso in panetteria a vendere i loro scoiattoli al padre, ma evitano di entrarci quando c’é la madre.

Il personaggio di Haymitch Abernathy

Dai film sappiamo che è l’unico vincitore in vita tra i tributi del distretto dodici prima di Katniss e Peeta e che è un accanito bevitore, ma del personaggio di Haymitch non sappiamo realmente nulla. Nei libri scopriamo tutto un mondo che lo fa protagonista.

Inizio dicendovi come ha vinto i giochi! Haymitch riesce a vincere gli Hunger Games scoprendo ed utilizzando un campo di forza che delimitava la radura dei giochi con la vita reale. Questo particolare fa infuriare Capitol City che decide di sterminare tutta la sua famiglia compresa la ragazza di cui era innamorato nel 12. Questo atto di forza viene messo in pratica come monito verso tutti gli altri vincitori avvertendoli di non sfidare Capitol City. Per questo motivo Haymitch si rifiuta di affrontare lucidamente la realtà e si rifugia nell’alcol.

Il personaggio di Gale

Il personaggio di Gale nei film non è molto bene approfondito come invece lo é nei libri. Gale viene descritto come un bel ragazzo con la passione per la caccia e le trappole per animali in particolar modo.

Katniss e Gale sono uniti fin da subito dal fatto di aver perso entrambi i padri nell’esplosione della miniera. Quell’episodio li porta a collaborare per procacciarsi il cibo per sfamare le rispettive famiglie.

Per quanto riguarda la storia amorosa tra i due non si rivela fino a quando Katniss ritorna vincitrice insieme a Peeta dagli Hanger Game. Qui si capisce che Gale prova una certa gelosia nei confronti del vincitore maschio. Parlando della psicologia del personaggio si capisce, invece che è un ribelle nato e che sarebbe disposto a sacrificare qualsiasi cosa per la causa contro Capitol City.

Il reale motivo per cui Katniss preferirà Peeta a Gale e lo si capisce già dall’episodio dell’attacco all’Osso; quando é proprio lui a proporre di intrappolare i pacificatori dentro la montagna senza via di uscita condannandoli a morte certa, proprio come è successo ai loro padri. Ma lo si evince anche quando insieme a Beetee mettono in pratica alcune trappole da utilizzare contro gli abitanti indifesi di Capitol City, trappole che poi porteranno all’uccisione di Primerose, la sorellina di Katniss.

L’amore tra i due protagonisti:

Nei libri sappiamo che il primo ad innamorarsi è Peeta. Questo lo sappiamo dal così detto fatto del pane,( quando Peeta brucia volontariamente il pane per poterlo dare a Katniss). Da quel momento in poi i due non si avvicinano più se non al momento della mietitura, ma sappiamo che si sono sempre reciprocamente tenuti d’occhio.

Katniss inizia ad innamorarsi sul serio solo durante i giochi della memoria degli Hunger Games, quando si rende conto di poter parlare solo con lui degli orrori che la circondano, ma soprattutto quando rischia di perderlo a causa del campo di forza.

L’amore tra i due è una cosa complicata; Peeta la ama per la sua forte indipendenza, il coraggio e l’attaccamento alla sorella minore. Katniss al contrario lo apprezza per la gentilezza e la spontaneità. Soprattutto lo ammira perché nonostante le brutalità che ha affrontato nell’arena è riuscito a rimanere umano e gentile.

Perchè Panem?

Tutto il mondo dei Hunger Games è incentrato in un futuro distopico. Questo universo è ambientato in un America del nord, che dopo una violenta rivolta viene denominata Panem, con capitale Capitol City e composta da ben 13 distretti a lei sottomessi che la provigionano. Ma da cosa deriva PANEM? Nel terzo libro sappiamo dal capo stratega Plutarch che il nome deriva da una celebra frase latina ” Panem et circenses” letteralmente pane e giochi.

Conclusioni:

Io ho adorato sia la saga cinematografica che quella dei romanzi! trovo che il lavoro svolto da Suzanne Collins sia magistrale e veramente emozionante, parole semplici che però rendono l’intera opera degna di riflessione.

Come avete visto i libri danno una chiave di lettura diversa all’intera storia e vi assicuro che più essere letta in modo molto più profondo ed approfondito. Se volete un’articolo al riguardo fatemelo sapere nei commenti!

Adesso vi lascio, spero con la voglia di leggere l’intera saga! Noi ci risentiamo presto con altre novità! se vi va condividete questo articolo con i vostri amici, a me farebbe molto piacere! e non dimenticate di dare un’occhiata ai miei ultimi articoli .A Discovery of Witches

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: